Mulino FAI di Baresi

Situato in un contesto paesaggistico unico, nel territorio della piccola località montana di Bàresi a Roncobello, in val Brembana, il fabbricato rurale in pietra risale al XVII secolo e tuttora conserva un torchio per la spremitura delle noci, un mulino per le farine (datato 1672) e alcune testimonianze di un antico forno per il pane. Dall’attività di questi opifici decine di comunità della valle hanno ricavato per secoli i beni necessari alla propria sussistenza: farina, pane e olio per l’alimentazione e l’illuminazione.

Sopra l’ingresso un affresco raffigura una Madonna con Bambino, mentre a destra è rappresentato un albero di noce. Sede di antichi mestieri e tradizioni, per la sua rilevanza storica, etnografica e anche antropologica (tutta l’area, infatti, reca tracce di insediamenti abitativi risalenti all’età del bronzo), il mulino è stato sottoposto a vincolo dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Nel 2003 è stato inoltre il secondo bene più votato nel censimento, bandito dal FAI, dal titolo “I Luoghi del Cuore”. Grazie a una donazione di Intesa Sanpaolo, la Fondazione nel 2005 ha potuto acquistare il mulino dalla famiglia Gervasoni. Il progetto del FAI ha previsto un’opera di recupero e restauro dell’edificio e dei suoi meccanismi, affinché la preziosissima memoria storica in esso custodita non andasse perduta. La gestione del mulino è stata poi affidata alla comunità locale.

 

Fonte: www.fondoambiente.it

Visitare il mulino: questo prezioso bene è gestito dall’Associazione Culturale “Maurizio Gervasoni”. Scopri gli orari di apertura clicca qui

Guarda anche:

Scopri gli eventi in zona