Oratorio di San Giovanni Battista

Uno scrigno di tesori artistici in un'oasi appartata

L’Oratorio di San Giovanni Battista si trova lungo l’antica strada che collegava Cusio con Ornica, sul bordo della sella del passo e davanti il piano dove per secoli i boscaioli producevano il carbone di legna. La chiesa, trasformatasi nell’odierno oratorio, è documentata fin dal medioevo. L‘impostazione di edificio romanico, con un bel portale in pietra, piccole finestre, per una luce soffice e diffusa, un leggero tetto a capanna ed un campanile proporzionato per altezza e snellezza, è comune alle antiche chiese dell’Alta Valle. L’interno è ad aula semplice e squadrata e salendo due gradini si accede al presbiterio con volte unghiate.

Molto bello il ciclo degli affreschi che ornano l’arco trionfale e il presbiterio, semplici nelle scene, spontanei nelle descrizioni e freschi nelle immagini. Sono opera di Cristoforo Baschenis, detto il Giovane (1561-1626), uno dei tanti frescanti della Valle ed eseguiti nel 1583. All’arco trionfale è rappresentata l‘Annunciazione e sul presbiterio scene della vita di San Giovanni, oltre le figure di Santa Maria Maddalena, Santa Margherita, San Francesco e Sant’Antonio. Lungo la navata si può ammirare l’affresco di una bella Madonna con il nome dell’offerente e l’anno 1581. La predella, unica parte rimasta dell’antico altare, è opera d’intarsio dell’artista locale Antonio Rovelli (1640-1710) come il credenzone in sacrestia.

 

I NOSTRI CONSIGLI

Scoprite gli itinerari tematici del paese di Cusio, con visita alle opere dei marengoni Rovelli e dei frescanti Baschenis:

Guarda anche:

Scopri gli eventi in zona