Il “Ponte in Ferro”

Cassiglio

Il 29 giugno 1890 una catastrofica piena del torrente Stabina e delle valli laterali travolse e distrusse l’antico ponte in pietra a due arcate che univa al centro del paese  la zona Ponte, cancellando per sempre le numerose fucine del ferro della zona Pornera. A monte  della zona Ponte, da secoli si lavorava il ferro producendo chiodi, azzali e armi e si erano raggiunti fino a 220 “zochi” ossia ceppi o  posti di lavoro. Da quel 29 giugno le fucine non si apriranno più e la contrada Ponte rimase isolata. Il 20 novembre 1891 l’ing. Natale Calvi (1826-1892) di Piazza Brembana, predispose il progetto per la “costruzione di un ponte a travata metallica di ben 6.763 kg., della luce di m 27 ad uso cavalcatorio”. Il 26 gennaio i lavori vennero assegnati dal sindaco Tobia Valcher all’impresa locale Luigi Bagini. L’opera, in acciaio imbullonato a caldo e predisposta secondo precisi calcoli di resistenza, tensione e dilatazione, ancor oggi ci parla della perizia del grande ingegnere Natale Calvi, che nel 1857 aveva progettato l’ampliamento della chiesa parrocchiale proprio di Cassiglio e che dal 1863 al 1868 in Puglia aveva progettato e diretto la costruzione della rete ferroviaria Bari-Taranto e Bari-Barletta. Questo suo ultimo lavoro e manufatto è un segno significativo in Valle dell’avanzante innovazione tecnologica. Non compete certo in grandezza con la coeva Tour Eiffel o il grande ponte in acciaio di Paderno, costruiti proprio in quegli anni, ma ci dice che la Rivoluzione Industriale in Italia era giunta anche a Cassiglio, un tempo grande centro per la lavorazione del ferro. L’opera venne collaudata il 30 dicembre 1892 dall’ing. Giacomo Calvetti di Piazza Brembana, quando l’ing. Natale Calvi ci aveva da poco lasciato.

Scopri gli eventi in zona